Senza categoria

Archivio Fotografico: Induzione Trance Profonda

— analisi delle fotografie a cura di Tristano Ajmone, ricercatore presso l’ISI-CNV —

Induzione della Trance Ipnotica Profonda

In questa foto potete vedere l’ipnotista durante il processo di induzione di uno stato di trance ipnotica profonda. La foto è stata scattata durante un esercizio di ipnosi ai corsi estivi dell’ISI-CNV.

Si notino i seguenti dettagli:

Nonostante il soggetto ipnotico abbia gli occhi chiusi avverte il passaggio della mano in prossimità del volto. Questa percezione tattile coinvolge una moltitudine di processi sensoriali, tra cui i processi termosensoriali della cute, il gioco di ombre, ecc. L’operatore non annuncia verbalmente il passaggio della mano in prossimità del volto.

Il soggetto sta deglutendo, un chiaro segnale di abbandono allo stato di trance. L’atto di deglutizione può essere evinta dalla posizione del pomo d’adamo (il quale si presenta sporgente e contratto, i posizione abbassata rispetto alla norma) e dalla sporgenza del labbro inferiore rispetto a quello superiore. L’operatore è attento a questi microsegnali corporei e calibra il suo intervento su di essi. Il movimento della mano è meticolosamente rapportato alle risposte non verbali del soggetto — la velocità del movimento, la vicinanza al volto, ecc. In contemporanea l’operatore opera ancoraggi al fine di catturare i momenti significativi degli stati mentali associati all’induzione, al fine di sfruttarli nelle fasi sucessive tramite reiterazione.

La tensione delle mani indica che il soggetto non è ancora entrato in una fase di trance omogenea, l’induzione ipnotica catturata in questa foto è infatti in fase iniziale. In seguito, il soggetto si lascerà andare completamente, rilassando tutto il suo corpo.

Il soggetto respira di pancia. Questo è indice di uno spostamento dell’attenzione verso i sistemi cenestesici. Il soggetto sta dunque esperendo delle forti sensazioni riguardo l’induzione in corso.

La postura del soggetto è altamente simmetrica, questo indica uno stato di rilassamento non eccessivamente profondo. Si tenga conto che questa postura è quella consigliata dall’operatore all’inizio della seduta ipnotica. Nonostante sia simmetrica è una posizione di apertura (le gambe sono parellele, le braccia divaricate). L’esperienza ci ha insegnato che questa è una buona posizione di partenza poiché la sua simmetria consente un margine di sicurezza interiore al soggetto (magari inizialmente restio) ed al contempo l’apertura di questa posizione conferisce all’operatore pieni poteri direttivi. Potete notare come le gambe vadano leggermente divaricandosi. All’inizio il soggetto aveva le gambe disposte in modo parallelo, man mano che l’induzione prosegue egli le aprirà sempre più, muovendosi infine verso una posizione totalmente asimmetrica.

AVVERTENZA: Tutto il materiale fotografico qui esposto è soggetto a diritto d’autore. L’Istituto ISI-CNV è il solo proprietario dei diritti di riproduzione di queste fotografie. Chiunque sia interessato a includere parte di questo materiale nelle sue opere è invitato a contattare il Dottor Marco Paret via email: [email protected]

Filed under: Senza categoria