Senza categoria

Ricorsi Stragiudiziali Al Giudice Di Pace

Beh, da qualche parte dovevamo pur mettere quanto già pubblicato finora…

Come far causa presto e senza spendere una lira

Il Codacons regala ai cittadini un vademecum per agire in proprio davanti al Giudice di Pace

Il Codacons, da anni in prima linea nei Tribunali di tutta Italia per far valere i diritti e gli interessi degli Utenti e Consumatori, oggi pone a disposizione dei cittadini uno strumento di autotutela giuridica ed un vademecum sulle possibilità che offre la legge n.374 del 21/11/91 istitutiva del Giudice di Pace.

Si tratta di un opuscolo in distribuzione agli associati nel quale vengono indicati i diritti e le modalità di esercizio degli stessi derivanti dall’art.322 codice di procedura civile, come modificato dalla l. n.374/91, che offre ai cittadini la possibilità di fare una causa innanzi al Giudice di Pace in sede non contenziosa.

Spieghiamo di cosa si tratta.

Il cittadino può presentarsi dal Giudice di Pace di appartenenza ad esempio: il cittadino che abita a Roma andrà dal G.d.P. sito in Via Teulada oppure, se abita ad Ostia, dal G.d.P. di Ostia Lido in Via Claudio etc. eleggere domicilio e richiedere che il Giudice faccia verbalizzare una dichiarazione dove si espongono i fatti della controversia che si vuole risolvere in via conciliativa e si chiede che il G.d.P. voglia convocare le parti per espletare il tentativo di conciliazione e mandare gli atti alla cancelleria per la notificazione dell’invito a comparire all’udienza.

Ma quando si può ricorrere a questo strumento di giustizia?

Ecco alcuni esempi pratici:

1) Si è finiti in una buca con l’automobile? La strada è di proprietà del Comune? Se lo si ritiene responsabile, si possono chiedere al Comune i danni arrecati dal sinistro all’automobile;

2) Avete “regalato” alla Telecom Lit.30.000 in telefonate per partecipare a Carramba che Fortuna, senza aver parlato neppure con la voce meccanica di un centralino? Se ritenete responsabile la Telecom, chiedete un risarcimento;

3) Il vicino, facendo i lavori a casa, vi ha distrutto l’impianto idraulico dell’appartamento? Si può chiedere al G.d.P. di convocarlo e chiedere un risarcimento dei danni subiti;

4) Le radici della pianta del vicino vi hanno distrutto il muro di cinta? Si può chiedere al G.d.P. di convocarlo e chiedere il risarcimento dei danni subiti.

La speditezza e l’autorevolezza di tale procedimento avranno almeno due risultati immediati: quello di una risposta veloce della giustizia (in meno di 60 giorni), evitando i soliti tempi biblici del processo civile, e la totale assenza di spese.

Vale a dire: niente spese vive di processo, niente avvocato e meno di 60 giorni per la risposta.

Filed under: Senza categoria